Sono state 204.632 le aste immobiliare nel 2019. Rispetto al 2018 si nota una diminuzione di esecuzioni; dalle 245.100 del 2018 alle 204.632 del 2019, per un controvalore di immobili a base d’asta pari a 28.446.933.776 di euro.
Questo quanto emerge dal “Report Aste” a cura di Astasy Srl.

 

IL 2019 IN PILLOLE 

aste:

– deserte non aggiudicate: 65,57% – 160.725 lotti.

– aggiudicate: 28,88% – 70.785 lotti.

– estinte per rinuncia: 2,81% – 6.887 lotti. .

– riunite: 0,33% – 807 lotti.

– sospese: 1,61% – 3.946 lotti.

– estinte per inattività: 0,80% – 1.960 Lotti.

 

DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA
Il report mostra come la maggior concentrazione di esecuzioni immobiliare sia al Nord con il 46%, per poi proseguire al Centro con un 24% fino ad arrivare al Sud (18%) e alle Isole (12%). In un comune medio di 50.000 abitanti, che conta circa 20.800 famiglie, vi sono circa 185 immobili in asta. La media nazionale è di 1 Immobile in asta ogni 114 famiglie italiane.
Sono ai primi 5 posti per numero di esecuzioni, con oltre il 51% del totale delle esecuzioni italiane, la Lombardia con il 18,66%, a seguire la Sicilia (9,38%), L’Emilia-Romagna (8,73%) Toscana e Lazio (7,18%).
Sono 17 Province che, da sole, controllano poco meno del 40% su base nazionale.
Anche nel 2019 è la provincia di Milano a detenere il record di provincia con il maggior numero di esecuzioni immobiliare in Italia: sono 9.505 le aste pubblicate nel 2019 (pari al 4,64% del totale nazionale). Segue Roma (8.476 – 4,14%), Bergamo (6.667 – 3,26%), Napoli (5.307 – 2,59%) e Perugia (4.886 – 2,39%).

 

TIPOLOGIE
Quasi il 70% delle unità immobiliari all’asta è riconducibile della categoria “Residenziale” ed è costituita da appartamenti, monolocali, mansarde, attici, ville e villette, nella maggior parte dei casi tutte abbinate a autorimesse e/o cantine. Solo il 5% sono negozi, uffici, laboratori e magazzini, mentre il 10% sono capannoni industriali e commerciali, opifici e laboratori artigianali.
Una fetta importante, l’11%, è dato dai Terreni, agricoli ed edificabili, che rappresentano sia una buona parte di campagna agricola (compresi pezzi importanti nelle zone dei Vini d’Italia, si pensi alle terre del Brunello di Montalcino) sia un buon numero di terreni edificabili che oggi non hanno più l’appeal commerciale di quando, in tempi non sospetti, l’iper-edificazione che i Comuni consentivano per avere in cambio “oneri di urbanizzazione”, aumentava vertiginosamente i volumi edificatori anche in micro comuni.
Poco meno dell’1% di immobili in asta è rappresentata da Hotel e strutture alberghiere, nella maggior parte dei casi si tratta di microstrutture a conduzione familiare. Nel restante 3%, denominato “altro” sono presenti una serie di unità immobiliari di diversa natura e anche di difficile ricollocazione (cinema, trulli, castelli, monasteri, ecc).

 

PREZZO DI VENDITA BASE D’ASTA

184.247 lotti, pari al 90% della composizione delle esecuzioni immobiliari, sono costituiti da beni il cui valore in asta è inferiore a 250.000 euro, per un valore d’asta totale pari a 11.975.493.881. Sono invece 16.874 i lotti, pari all’ 8% della composizione, il cui valore in asta è inferiore a 1.000.000 di euro. Il valore base d’asta totale di questi beni è pari a € 7.630.780.602. Per concludere 3.511 lotti, pari al 2% della composizione delle esecuzioni immobiliari, è costituita da beni il cui valore in asta è superiore a 1.000.000 di euro. Il valore base d’asta totale di questi Beni è pari ad € 8.749.409.291.

Il valore medio di un immobile all’asta si è notevolmente abbassato giungendo a € 65.077 (contro i € 115.000 del 2018), il che sta a significare che gli immobili vengono aggiudicati a valori notevolmente inferiori rispetto ai reali valori di mercato, creando un’ulteriore perdita di valore.

 

TEMPI MEDI
Per quanto riguarda il tempo medio di chiusura di una Esecuzione Immobiliare, è stata di 2.172 giorni (5 anni, 11 mesi e 12 giorni) la media di chiusura delle procedure esecutive avvenute nel 2019; i giorni vengono calcolati dalla data di iscrizione al Ruolo, sino all’ultimo atto evidenziato nella procedura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *